Informazioni personali

La mia foto
ANZANO DEL PARCO, COMO
Non sono medico non sono un nutrizionista: sono un appassionato di nutrizione alimentare e sana alimentazione.

28 aprile 2016

Semi di lino

Semi di lino
Benvenuto nel mio blog.
Semi  di lino: 
Ci sono moltissimi semi le piante si riproducono dai semi.
Nel seme c'è l'energia per far crescere un germolio fino a divenire una pianta che al suo tempo produrrà dei frutti e così che la natura si riproduce e crea un circolo infinito per nutrire e sfamare il mondo intero gli animali di cui e l'uomo che ne è parte.
Nella collana dei nutrienti essenziali di cui l'uomo può trarne grossi benefici sono anche i semi di lino. 

Il lino.

Il lino la più antica pianta di cui l'uomo si è avvalso per creare dei tessuti.
Il  significato  della sua parola è linea ,tratta  dal latino "linum",o dal greco "linon" la parola stessa si riferisce al termine filo.

Il Lino è una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle linacee, fiorisce nel periodo compreso tra Aprile e Settembre; esistono circa 200 specie di piante del lino con fiori dei più svariati colori,
possono andare dal classico azzurrino, al viola, il giallo, rosso, bianco, rosa, blu a altre sfumature. 

Il lino viene coltivato su larga scala sin dai tempi remoti, si suppone che le prime coltivazioni fossero localizzate in Etiopia ed in Egitto, circa seimila anni fa, giungendo nel nostro continente nel’epoca preromana. 


Successivamente si scoprì che anche i semi hanno proprietà buone per l’organismo e se ne è diffuso il consumo.e della sua pianta non si getta via nulla; viene utilizzato in vari campi, come quello terapeutico, tessile, cosmetico, artistico, ma anche come mangime per vari animali e molti altri usi ancora.


Il lino da sempre viene coltivato per ricavarne fibra tessile ma  dai suoi semi si ricava un l’olio molto apprezzato per le sue qualità benefiche e della farina per pane e altre lavorazione da forno.

Nella tradizione contadina era una pianta di vitale importanza e veniva seminata tra la festa di San Giuseppe (19 marzo) e la "Madonna di marzo" (25 marzo) si iniziava la semina delle piante di lino.

Nella cultura contadina la semina veniva fatta su di una superficie calcolata in proporzione al numero delle famiglie dei salariati che poi dovevano lavorarlo in forma di compartecipazione, mezzadria o altre forme concordate con il signorotto locale o proprietario terreno.

Ritornando  nei tempi preindustriali nelle aie contadine nel mese di  giugno quando le piante mettevano le "capsule" (i semi) ed erano pronte per la raccolta fatta  strappando a mano piantina per piantina, ben lungi dalle tecnologie e dalla raccolta meccanica modernizzata erano attenti a pulire le radici dalla terra e a non rovinare i semi. Il raccolto veniva lasciato in covoni sui campi per un paio di giorni dopo di che veniva portato in cascina.

Distese sull'aia le piante di lino venivano pressate con un rullo di legno tirato da un cavallo, per separare i semi dal resto.
I semi di lino venivano raccolti, puliti e inviati al torchio per spremere l'olio  da usare come medicamento o per l'alimentazione.

Tutto questo è storia del passato, ora le aziende


I semi di lino hanno forma ovale, di colore rosso scuro, quasi marrone; le estremità sono aguzze, lisci al tatto e lucidi. La loro raccolta  si si effettua fra  giugno e settembre tramite trebbiatura.


I semi di lino contengono:


  • lipidi: omega 3,  omega 6;
  • proteine;
  • vitamine BC ed E;
  • sali minerali: il fosforo, il magnesio, il rame, il sodio, il calcio, il ferro, lo zinco, il potassio ed il manganese;
  • acido linoleico;
  • acido stearico;
  • acido oleico;
  • acido palmitico;
  • aminoacidi: acido glutammico e acido aspartico, arginina, glicina, istidina, cistina, leucina, isoleucina, metionina, prolina, serina, treonina, triptofano, tirosina e valina.

 Alcuni benefici dei semi del lino.

Aiutano l'intestino.
Sono  molto efficaci per le persone che soffrono di stipsi, messi in ammollo in acqua o succo possono avere effetti lassativi per il loro alto contenuto di fibre.
Presi alla sera prima di andare a letto con un bicchiere d’acqua  preparano l'intestino per il transito del cibo velocemente.

Abbassano il colesterolo cattivo.

I semi di lino con il loro alto contenuto  di acidi grassi essenziali ne contengono il doppio degli omega 3 del pesce e sono un’ottima fonte di fibre, vitamine e minerali.
Questo concentrato di omega aiutano ad abbassare il livello del colesterolo LDL,(quello cattivo),dei trigliceridi e della pressione sanguigna  perciò sono ideali per le persone che devono affrontare questi tipi di problemi della salute. 

Semi di lino
Cinque grammi di semi di lino  tengono lontano il colesterolo! 
L'equivalente di 1-2 cucchiaini da caffè di semi di lino al giorno.

I medici  e nutrizionisti raccomandano di consumarli in combinazione con insalate o minestre, appena macinati e aggiunti nel cibo, come il sale o il pepe. Inoltre, i semi di lino sono più facilmente assimilabili dal’organismo se vengono macinati. 
Controllo del peso
Messi nei frullati e macinati contribuiscono ad  un ottimo pasto sostitutivo completo, inoltre aiutano la termogenesi bruciando i grassi e trasformando la combustione in energia. 
Essendo un seme ricco di fibre aiutano quindi a dare rapidamente la sensazione di sazietà limitando l'assimilazione dei grassi nel corpo.
Allungano la vita 
Ci sono paesi nel mondo dove la popolazine si alimenta con una ricca varietà di semi e in questi popoli che vivono nella zona caucasica al mar Nero vengono riscontrate delle  hanno pochissime defezioni causate dal sistema cardiocircolatorio e invecchiamento  precoce.
Anzi sono ancora attivi sessualmente ad una certa età.
Non a caso questi popoli usano  una combinazione vincente  un tris di semi di lino, zucca e girasole.
Questi sono solo alcuni benefici che qualsiasi persona può utilizzare in modo naturale e semplice per mantenersi in forma.

Ricordando che un buono e sano stile di vita è alla base del benessere.


Novità: Quale è il tu livello di benessere?

 Scoprilo cliccando qui.



Ciao un saluto da Enrico e al prossimo post...

Puoi ricevere gratuitamente  lo special report gratuitamente iscrivendoti qui a lato inserendo solo nome e email.


Per info vielenrico1@gmail .com.



Nessun commento:

Posta un commento

Interrompere il ciclo delle diete yo-yo

Interrompere il ciclo   delle diete yo-yo COME VIVER A LUNGO Questa settimana ti cito un articolo  di una rivista  (Aspire,ch...